Come cablare la tua casa con il cablaggio del cavo Ethernet Cat5e o Cat6

A causa della condivisione multimediale, della larghezza di banda su una rete domestica e della preoccupazione per la sicurezza wireless, potresti voler scegliere un'opzione cablata per la rete domestica, nonostante il fatto che il wireless sia più facile da configurare e mantenere per molte persone. Avere una rete cablata in casa ti consente di avere una rete privata ad alta velocità per l'accesso a Internet, la condivisione di file, lo streaming di film, i giochi online, le telecamere di sicurezza IP e altri usi, nonché per molte altre cose.

Questo articolo ti guiderà attraverso il processo di cablaggio della tua casa con un cavo Ethernet Cat5e o Cat6. La distinzione tra i due può essere spiegata più dettagliatamente in questo post.)

Passaggio 1: considerazioni e pianificazione all'inizio

A seconda delle vostre esigenze, ci sono problemi di progettazione specifici che devono essere affrontati.

  1. Quali stanze voglio cablate?: Vivo in un condominio con due camere da letto, quindi sapevo che volevo che entrambe le camere fossero cablate fin dall'inizio. Mi è venuto in mente che avevo anche una nicchia TV dove si trova la mia TV via cavo, quindi sembrava un bel posto anche per collegare le cose (soprattutto per cose come le console per videogiochi). Poiché ciascuno di questi siti disponeva di televisione via cavo, sembrava naturale avvicinarsi alla rete allo stesso modo.
  2. Quante porte voglio in ciascuna delle posizioni che sto considerando?: Per poter ospitare numerose console di gioco e un lettore Blu-ray abilitato alla rete collegato al mio televisore, sapevo che avrei avuto bisogno di almeno tre connessioni dietro il televisore. Poiché le piastre da parete sono disponibili in combinazioni da 1, 2, 4 e 6 jack (per l'installazione in un'unica presa), ho scelto semplicemente 4. Perché far passare un cavo quando è quasi altrettanto semplice farne passare quattro, potresti chiederti. Per offrire la massima flessibilità senza la necessità di interruttori locali (nella stanza), ho semplicemente eseguito quattro gocce in ciascuna posizione anziché variare il numero di gocce. Tre siti con quattro porti ciascuno equivalgono a un totale di 12 porti.
  3. Quando si tratta di distribuzione, dov'è un luogo adatto?: Per me, il luogo più naturale è stata la mia lavanderia, perché la mia TV via cavo la attraversa già ed è condivisa dalle altre stanze della casa. È fondamentale notare che anche la mia connessione Internet (tramite cavo) arriva in casa da questa posizione, quindi se trasferisco qui il mio modem via cavo, sarà in grado di fornire l'accesso a Internet all'intera rete. Un altro elemento a cui pensare è la quantità di spazio necessaria per l'installazione di uno scaffale per mantenere le apparecchiature di rete.
  4. Che percorso dovrebbero prendere i cavi?: Questo è, senza dubbio, il fattore più impegnativo da considerare. Il mio appartamento è al secondo piano (in alto) e ho accesso alla soffitta attraverso un lucernario. L'attico funge da punto di distribuzione per la mia televisione via cavo, quindi mi è sembrata una scelta logica instradare anche la mia rete domestica attraverso di essa. Il seminterrato potrebbe essere l'opzione più appropriata per le case a un piano con un seminterrato. Se hai una casa a più piani, potresti dover essere creativo con il tuo design. In alternativa è possibile uscire all'aperto o scendere un vecchio scivolo della biancheria. (Non entrerò nei dettagli di tutte le alternative; parlerò semplicemente della mia situazione personale.) La lunghezza del percorso del cavo è un'altra considerazione durante la progettazione di un percorso del cavo. La lunghezza massima del cavo per il cablaggio UTP in rame in grado di supportare velocità fino a gigabit è di 100 metri (circa 300 piedi). Ciò dovrebbe fornire molta flessibilità per la stragrande maggioranza delle applicazioni domestiche, ma è importante essere consapevoli dei limiti del sistema.
  5. Che tipo di velocità di rete ho bisogno?: Questo avrà il maggiore impatto sul tipo di interruttore acquistato. Ho usato uno switch da 10 Mbps da quando me ne è stato dato uno gratuitamente, ed è ancora significativamente più veloce della connessione Internet residenziale media (di solito puoi trovarne uno per pochissimi soldi, o addirittura gratuitamente, in un negozio di computer usati). Tuttavia, se prevedi di fare qualsiasi cosa sulla rete (come giocare, scaricare dati tra computer o qualsiasi altra cosa), ti consigliamo vivamente di utilizzare uno switch gigabit. Se stai acquistando un nuovo switch, questi non sono proibitivi in questi giorni, quindi non c'è motivo per non passare alle velocità gigabit.

Poi tocca agli strumenti e ai materiali!

Passaggio 2: strumenti e materiali necessari

I tuoi strumenti e materiali (così come i loro prezzi) varieranno notevolmente a seconda delle tue esigenze e di ciò che hai attualmente. Ho preso in prestito molti degli strumenti elencati di seguito, ma ecco un'ipotesi molto semplice e plausibile su come sono stati utilizzati:

Strumenti:

  • Strumento di crimpatura Ethernet (solo se stai crimpando le estremità del cavo).
  • Trapano (principalmente per forare le piastre superiori della parete, ma rende anche l'avvitamento più veloce).
  • Una punta a paletta o una sega a tazza (le cui dimensioni dipendono da quanti fili stai instradando).
  • Sega a mano con lama appuntita (questo rende semplice praticare i fori per le scatole e le piastre a muro).
  • Una corda forte o un nastro da pesce. 
  • Etichettatrice (opzionale).
  • Matita.
  • Pennarello tipo pennarello.
  • Governate.
  • Cercatore di borchie.
  • Strumento per assicurare un punchdown (opzionale). Invece, ho usato un piccolo cacciavite.
  • Tester per laptop o cavo.

Materiali:

  • Bobina da 1000′ Cat5e o Cat6, consigliata Cat6 (più o meno in base alle vostre esigenze).
  • Scatole di retrofit per una banda singola (del tipo che si aggancia al muro a secco, con apertura sul retro).
  • Jack e piastre per connettori RJ45 (prendi ciò di cui hai bisogno, magari uno o due in più).
  • Spine RJ45 (opzionali).
  • Passacavo in plastica (opzionale, rende il cablaggio professionale).
  • Il patch panel è un'apparecchiatura utilizzata per riparare o sostituire un patch panel che è stato danneggiato (opzionale, un altro tocco professionale).
  • Commutatore Ethernet.
  • Il router è un dispositivo che ti consente di connetterti a Internet (opzionale, potrebbe essere richiesto dal tuo ISP)
  • Le strisce in velcro vengono utilizzate per mantenere i cavi organizzati (opzionale)
  • Cavi patch di lunghezza ridotta (opzionale).

Mettiamo le piastre a muro ora che abbiamo (si spera) raccolto tutti i materiali di cui avremo bisogno.

Passaggio 3: montare le piastre a parete

Il cavo, così come i nuovi cavi ethernet, escono dal muro attraverso la stessa area tra i montanti. Prendere nota mentale della lunghezza aggiuntiva del cavo nel caso qualcosa vada storto!

Poiché ero già consapevole del percorso che avrebbe preso la mia TV via cavo e che si sarebbe trovata negli stessi punti delle mie prese Ethernet, ho semplicemente iniziato a localizzare le mie prese TV via cavo. Il cercatore di perni mi ha aiutato a determinare su quale lato del jack del cavo si trovava il perno perché altrimenti non potevo vederlo. Quasi tutte le case hanno borchie distanti 16 pollici e sapevo che volevo che la mia connessione Ethernet fosse installata nella stessa cavità della parete della mia TV via cavo.

Devi prima scegliere dove vuoi installare la scatola prima di tracciare le linee sul muro per ospitare la nuova scatola e praticare un foro con una sega a mano appuntita per fissare la scatola in posizione. Nella maggior parte dei casi, non dovresti praticare alcun foro iniziale quando usi una sega appuntita per tagliare il muro a secco.

Una volta praticato il foro nel muro, è possibile inserire la scatola singola nel foro e fissarla in posizione con i morsetti che vengono fissati sul retro del muro a secco e avvitati nella scatola. Ripeti questo processo per ogni luogo in cui desideri correre.

Un foro attraverso il quale è possibile inserire l'occhiello. Conferisce un aspetto professionale al pezzo.

Per il momento terremo le placche a muro.

Ti consigliamo anche di fare un buco nel muro della stanza di distribuzione durante questo periodo di tempo. In questo caso, ti consigliamo di praticare un foro per far passare l'occhiello di plastica.

Prossimo: possiamo far passare i cavi.

Passaggio 4: misurare la lunghezza dei cavi e farli scorrere.

La piastra superiore del muro ha un foro praticato in esso. Ho abbassato una corda con un bullone agganciato ad essa in modo da poter tirare su i fili con le mani.

Ci sono una varietà di approcci che possono essere utilizzati. Puoi fare ipotesi plausibili, misurare dalle planimetrie, eseguire una simulazione e così via. Ho usato l'approccio run one per completare l'attività. Per determinare le lunghezze necessarie per ogni tratto, ho fatto passare un filo dalla stanza di distribuzione a ogni stanza, l'ho tirato fuori e ho costruito tre cavi aggiuntivi simili ad esso. Dopodiché, puoi correre con tutti e quattro i tuoi compagni di squadra. Ti consigliamo anche di nominare entrambe le estremità di ciascun filo con un pennarello per facilitarne l'identificazione. Ciò consente di etichettare le porte su entrambe le estremità della connessione.

Prima di poterlo fare, tuttavia, devi prima perforare le piastre superiori delle pareti per poter calare i cavi nelle pareti dove hai già praticato i fori. Identificazione della posizione ottimale per la foratura nella piastra superiore (per assicurarsi di inserire i 16 corretti) “Potrebbe essere difficile trovare lo spazio perfetto tra i prigionieri. Un altro motivo per cui ho deciso di utilizzare i cavi coassiali per la TV via cavo è evitare interferenze con il segnale. Ho rintracciato la TV via cavo in soffitta e poi ho praticato nuovi fori nella piastra superiore esattamente accanto ai fori della TV via cavo esistenti per completare l'installazione. Ciò richiederà l'uso di un trapano potente e una punta a paletta o una sega a tazza. Sebbene la sega a tazza sia più facile da usare, la punta a paletta è meno costosa. Ho usato una punta da trapano da 1 1/4 di pollice "La punta della paletta era difficile da maneggiare e a volte faceva lavorare di più il trapano. In alternativa, puoi scegliere di praticare molti piccoli fori e usarne uno per ogni filo, tuttavia, questo renderà un po' più difficile far passare i cavi perché non sarai in grado di legare il fascio insieme facilmente.

È quindi possibile infilare del filo per determinare la quantità di cavo necessaria per ogni tratto, tagliare tre ulteriori lunghezze uguali per tratto, quindi eseguire nuovamente i cavi dopo aver praticato e tappato i fori superiori in posizione. Assicurati di farli abbastanza lunghi in modo da avere qualcosa in più da usare in caso di contrattempi di spellatura o crimpatura. Infilare una lunghezza extra nel muro è sempre un processo semplice.

Prossimo: fare collegamenti.

Passaggio 5: Collegare i cavi alle prese e al pannello di permutazione utilizzando i dadi dei cavi.

Ora che i cavi sono stati posati, possiamo terminarli sul pannello di permutazione e sui jack all'estremità dei fili. Nei materiali ho detto che l'uso di un patch panel era facoltativo. Basta estrarre il cavo grezzo dal muro, collegarlo a un connettore RJ-45, quindi collegare l'altra estremità direttamente allo switch. Tuttavia, quando si tratta di installazione permanente, credo che il montaggio di un patch panel sia molto più professionale.

Questo è un compito piuttosto semplice. La maggior parte dei pannelli di permutazione e dei jack sono dotati di schemi elettrici che includono i colori dei cavi per gli standard di cablaggio tipici T568A e T568B. Ad essere onesti, non sono sicuro di quale sarebbe più efficace. Nonostante avessi già visto la lettera "A" usata per ISDN quando ho guardato la guida dei colori del T568B, mi sono reso conto che era la stessa delle centinaia di cavi patch che avevo creato in precedenza. Di conseguenza, sono andato con esso. Assicurati di utilizzare la stessa password su entrambi i lati. La punzonatura dei singoli fili può essere eseguita utilizzando lo strumento di perforazione o un minuscolo cacciavite.

Una volta terminato il collegamento di tutti i cavi, è possibile montare il pannello di permutazione alla parete e inserire i jack nelle rispettive piastre a muro all'estremità opposta della rete. Se lo si desidera, le piastre a parete possono anche essere avvitate direttamente nelle cassette.

Nota: Fino allo switch, sono necessari solo pochi cavi patch corti. L'alluminio è la parte inferiore dello scaffale, che è dove si trova l'interruttore sullo scaffale.

Ora possiamo verificare se tutto funziona correttamente!

Fare un passo 6: Metti alla prova le tue connessioni

Prima di iniziare a collegare la maggior parte dei componenti di rete, è necessario verificare accuratamente tutte le connessioni per assicurarsi che tutto funzioni correttamente. Questo può essere ottenuto in vari modi. È probabile che tu sia a conoscenza dei test di rete se ne hai davvero uno a portata di mano. Sei completamente da solo. Il mio approccio era un po' diverso dalla norma.

Ho collegato un cavo patch corto dal mio pannello patch a ciascuna delle porte dello switch e l'ho acceso per testarlo. Poiché si tratta di uno switch controllato, ho configurato ciascuna porta in modo che fosse "su/su" e "negoziazione automatica". Gli switch non gestiti non richiederanno alcuna configurazione da parte loro.

Per questa fase è necessario utilizzare un altro cavo patch e un laptop. Collega ogni porta in ogni stanza con un cavo patch diverso e un laptop. Dopo ogni porta, ricontrolla l'interruttore per assicurarti che la spia "connect" sia illuminata. La possibilità di creare un collegamento controlla sia il livello fisico (cioè, nessun cavo rotto, tutte le crimpature strette e nessun cavo incrociato) sia il livello del collegamento dati (cioè, nessun cavo incrociato) (cioè la negoziazione tra la scheda di rete e la porta dello switch) . Non è richiesto un indirizzo IP o altro per il test.

Informazione:  Le etichette pulite e ordinate per ogni porta effettivamente vanno dove dicono di fare. MB = Camera da letto principale, SB = Seconda camera da letto, ecc.

Questo è anche un ottimo momento per ricontrollare che l'etichettatura sia coerente su entrambe le estremità. Ad esempio, puoi assicurarti che la "porta della camera da letto principale 2" sul pannello di permutazione si colleghi veramente alla seconda porta della camera da letto principale controllando l'etichetta sul pannello di permutazione.

Ora è il momento di andare online e non solo!

Passaggio 7: connettersi a Internet

Il cavo è diviso in tre sezioni: 1. la TV principale, 2. il modem via cavo e 3. il secondo splitter. Il secondo splitter è per ciascuna delle camere da letto. Sono meno preoccupato per il deterioramento del segnale in quella posizione, ma le corse sono abbastanza brevi da non aver bisogno nemmeno di amplificatori lì.

Vogliamo collegare la nostra sofisticata rete a Internet ora che l'abbiamo installata, non credi?

Il primo passo è configurare il modem via cavo. Il mio modem via cavo era stato trasferito nella stanza di distribuzione dalla mia seconda camera da letto (che fungeva da ufficio), quindi dovevo riconfigurare il modo in cui il mio cavo era diviso. Invece di dividere il cavo principale all'interno della casa in tre sezioni, ho deciso di fare le cose in modo leggermente diverso. Prima di fare qualsiasi cosa, ho diviso il cavo in entrata con uno splitter a tre vie, inviandone uno alla TV principale, uno a uno splitter a due vie per la TV in ogni camera da letto e uno al modem via cavo. Ho usato una connessione maschio-maschio per collegare gli splitter insieme.

Ora che il modem via cavo è stato installato nella posizione corretta, possiamo procedere con la configurazione della rete. Alcuni aspetti di questa configurazione possono variare a seconda del provider di servizi Internet. (Parlerò solo dei dettagli di ciò che mi circonda, ma cercherò di fornire qualche consiglio generale quando posso.)

Ho collegato la porta Ethernet del modem via cavo alla porta "Untrusted" del router/firewall utilizzando un cavo Ethernet. Ho collegato la porta "Trusted" sul mio switch alla prima porta switch sul mio switch. Ha funzionato bene. Se il tuo switch ha una porta "Uplink", usala al posto della porta "Downlink" per connetterti. Se stai utilizzando uno switch, un modem via cavo e/o un router, potresti aver bisogno (o avere già) di cavi incrociati per queste connessioni, a seconda della tua configurazione. Con il mio router/firewall configurato come server DHCP, ora sono in grado di fornire connettività Internet a ciascuna porta della mia rete. Inoltre, il firewall protegge tutta la mia rete da accessi non autorizzati dal mondo esterno.

Firewall, modem via cavo, punto di accesso wireless, switch da 100 megabit gestito a 24 porte, gestione dei cavi e patch panel sono mostrati nel diagramma sopra, a partire dall'angolo in alto a sinistra.

Al mio switch è stato collegato anche un punto di accesso wireless, sebbene non sia necessario per questo tutorial. Ciò mi consente di accedere a Internet tramite connessioni wireless e connessioni cablate. Poiché la mia rete wireless è sia crittografata che protetta dal filtro MAC, sono sicuro di posizionarla sul lato "fidato" del mio firewall. Se per qualche motivo volessi consentire l'accesso wireless aperto proteggendo anche la mia rete, dovrei configurare le mie connessioni in un modo diverso. (Non approfondirò queste modifiche, ma volevo portarle alla tua attenzione poiché potrebbero essere rilevanti a seconda degli obiettivi della tua rete e di come potrebbero coinvolgere l'accesso wireless.)

Per la cronaca, il mio firewall riceve un unico indirizzo IP statico dal modem via cavo del mio provider di servizi Internet. Funge anche da router, assegnando numeri IP DHCP a tutti gli altri host sulla mia rete privata, che è collegata ad essa tramite lo switch e il cablaggio che abbiamo costruito di recente.

Lascia una risposta

Il vostro indirizzo e-mail non sarà pubblicato.

it_ITItaliano